Mestrando Pipoca

 

fb_img_1478432963671

Francisco Carlos da Silva (noto come Professor Pipoca) è nato il 5 Marzo 1975 a Fortaleza-Ceará (Nordest del Brasile). E’ cresciuto nel quartiere detto l’aeroporto, una popolare zona centrale della città di Fortaleza, dove i bambini sono per strada a giocare a calcio o ad altri giochi. A 12 anni, un ex giocatore di calcio, Hamilton, lo osserva mentre gioca per strada e lo invita a fare un test per unirsi al “Ceara Sporting Club”, dove entra nella categoria dei pulcini. Prosegue di classe in classe nella categoria juniores. Viaggia in tutto il Brasile per partecipare a stage in varie squadre di calcio. Le sue abilità come giocatore di calcio gli permettono di pagare per la sua formazione attraverso borse di studio corrisposte dalle scuole che ne fanno richiesta. Nel frattempo, all’età di 14 anni, scopre la Capoeira attraverso suo fratello e altri due amici. Il giovane Carlos frequenta dei corsi e partecipa ad un corso di Mestre Juão Baiano. Sedotto da quest’affascinante arte marziale, continua le lezioni. Per il suo battesimo, riceve il soprannome Pipoca (popcorn), a causa dei piccoli riccioli dei suoi capelli. Pertanto, si allena duro, impara a suonare i diversi strumenti della Capoeira e si dedica sempre più allo studio di quest’arte. Pochi anni dopo, riceve il diploma che gli consente di insegnare ai bambini. Inizia così a lavorare come insegnante di Capoeira. La stampa di Fortaleza è interessata a lui e gli offre varie interviste in televisione e radio, con diversi articoli a lui dedicati in giornali e riviste. Si fa conoscere, inoltre, grazie alla sua partecipazione a numerosi festival di Capoeira in tutto il Brasile. Nel 2001, quando ottiene il grado di Professore, avvia un progetto sociale: aiutare i ragazzi dai 9 ai 20 anni per uscire da droga e criminalità attraverso la Capoeira. L’iniziativa si rivela un successo, il numero dei partecipanti aumenta ogni giorno. Nonostante questo successo, dove il Professor Pipoca attira l’attenzione dei media, non ottiene i supporti dal governo, ed è costretto a fermarsi. Nello stesso anno crea un programma radiofonico dedicato alla Capoeira. Ogni domenica per un’ora su FM Parreão tiene dibattiti e interviste con i grandi maestri di Capoeira, raccontando la storia di quest’arte marziale brasiliana. Nel 2002 inizia un nuovo programma sociale in una scuola pubblica per ragazzi disagiati, in cui i bambini possono partecipare a patto di migliorare il loro comportamento in classe e i loro voti. Questa collaborazione si concluderà quando partirà per l’Europa. Per lui la Capoeira è uno sport che si può praticare senza alcun limite di età o di capacità fisica: la Capoeira è aperta a tutti. Alla fine del 2007, il suo maestro, Mestre Zebrinha (fondatore del gruppo Legião Brasileira de Capoeira) gli ha chiesto di partire a diffondere la sua conoscenza della Capoeira in Europa, e si stabilisce in Ungheria. E’ qui che tiene i suoi corsi, con un altro maestro del suo gruppo, Graduada Lu. Ancora una volta, una rivista ungherese gli dedica diversi articoli, sottolineando la serietà del suo lavoro. Rimarrà in Ungheria per oltre un anno. Nel frattempo viaggia in tutta Europa (Germania, Polonia, Repubblica Ceca …), in occasione di festival in cui è stato invitato a partecipare per diffondere la sua conoscenza. Attualmente vive in Francia, dove ha deciso di posare nuovamente le valigie per scrivere una nuova pagina della sua storia.

http://www.berimbau-nice.fr/accueil/index.html

 

One thought on “Mestrando Pipoca

  1. Para tornar o Rio de Janeiro um produtor do gr o, o pesquisador e professor da Uenf estuda t cnicas de melhoramento gen tico da planta por meio da sele o de h bridos mais adaptados a solos pobres em f sforo, que o caso do nosso estado. Em outras palavras, por meio de testes em campo na fazenda de Itaocara, onde os n veis de f sforo chegam a 5 bpm, bem abaixo da m dia nacional, induzimos o cultivo do milho-pipoca e acompanhamos como a planta se desenvolve.

Rispondi a Hosting Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>